domenica 20 novembre 2016

L'orrore di Enfield

Durante i primi anni 70, qualcosa di orribile si aggirava nei dintorni della piccola città di Enfield, in Illinois. L'Illinois non è nuovo a fenomeni bizzarri: strane luci nel cielo, pantere fantasma e volatili giganteschi sono stati più volte oggetto di avvistamenti da quelle parti. Ma per un po' di tempo, qualcosa di ancora più strano ha tormentato la gente di questa città.

Verso le 9 e mezzo di sera del 25 aprile 1973, Henry McDaniel e sua moglie fecero ritorno a casa e furono accolti dai loro due figli. I bambini gli raccontarono che mentre erano fuori, uno strano essere aveva cercato di introdursi in casa e aveva grattato insistentemente sulla porta d'ingresso. I genitori non diedero molto peso alla loro storia, ma poco dopo dovettero ricredersi quando anche loro udirono qualcosa grattare alla porta.

Henry andò ad aprire aspettandosi di trovarsi di fronte un cane o un gatto, ma con sua grande sorpresa sull'uscio di casa c'era ad aspettarlo una creatura ripugnante che non avrebbe sfigurato in un racconto di Lovecraft. Alta circa un metro e quaranta, era dotata di un corpo piccolo, tre gambe, due braccine corte e due grandi occhi rosa. E questa cosa stava cercando di entrare!


Henry ebbe la prontezza di spirito di sbatterle la porta in faccia e corse a prendere la pistola. Dopodiché le sparò non meno di quattro volte, ma l'unica cosa che ottenne fu di farle emettere una specie di sibilo, poi l'essere si allontanò con grandi balzi verso la vegetazione, coprendo 5 metri con ogni salto, finché Henry non lo perse di vista.

Fu fatta venire la polizia, che però non fu in grado di rintracciare il mostro. Le indagini confermarono almeno in parte il racconto dei McDaniel. Sulla porta principale e sul lato della casa furono trovati dei segni riconducibili ai graffi lasciati da un animale, mentre sul terreno adiacente gli agenti identificarono delle strane impronte molto simili a quelle di un cane, ma con 6 dita invece che 4. L'analisi delle impronte inoltre lasciava supporre che fossero state lasciate da un animale che camminava su 3 zampe, con una zampa più piccola delle altre.

Nonostante lo stesso giorno la polizia avesse ricevuto la testimonianza di un altro bambino del luogo che diceva di essere stato attaccato da "qualcosa", le indagini furono interrotte per mancanza di prove. Ma la storia non finì qui. Pochi giorni dopo il primo avvistamento, sempre Henry McDaniel fu svegliato alle 3 di notte dall'abbaiare dei cani del vicino. Dalla finestra della camera da letto potè osservare la stessa creatura che aveva cercato di introdursi in casa sua, e che ora si muoveva con calma lungo i binari del treno che passavano lì vicino.

Nel frattempo si era iniziata a spargere la voce sull'"orrore di Enfield" e da ognidove la gente accorreva nella speranza di ritornarsene a casa con una storia da raccontare. Tra i tanti visitatori però c'erano anche alcuni cacciatori in cerca di avventura, e la loro presenza allarmò lo sceriffo della città che temeva il verificarsi di qualche incidente. Lo sceriffo arrivò addirittura a minacciare Henry McDaniel che lo avrebbe arrestato se non avesse tenuto la bocca chiusa sul mostro.

Un paio di cacciatori e altre 4 persone giurarono di aver visto qualcosa di simile ad una scimmia di colore grigio alta circa un metro e sessanta muoversi molto velocemente tra i cespugli, proprio vicino a dove Henry McDaniel aveva avvistato il mostro. Una di queste persone disse persino di essere riuscito a registrare il verso dell'animale, ma nonostante tutti gli sforzi fatti per catturarlo e le ricerche compiute anche da criptozoologi di fama mondiale, l'"orrore di Enfield" era destinato a rimanere un enigma senza soluzione.

A poco a poco i visitatori calarono e così pure l'attenzione ricevuta dal caso. Da allora non ci sono più stati avvistamenti, e lo strano essere sembra essere sparito dalla faccia della terra. Che cosa videro veramente quelle persone? Un extraterrestre in gita sul nostro pianeta? Un demone? Un animale raro ancora sconosciuto alla scienza ufficiale?

Nessun commento:

Posta un commento